Sicurezza ed efficacia della terapia con singolo agente a base di Bevacizumab nelle pazienti anziane con carcinoma ovarico ricorrente Platino-resistente


Lo studio AURELIA ha dimostrato una significativa migliore sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) con Bevacizumab ( Avastin ) aggiunto alla chemioterapia per il cancro ovarico Platino-resistente.

Le pazienti con tumore all'ovaio con resistenza al Platino sono state randomizzate a ricevere un singolo agente chemioterapico da solo o con Bevacizumab. 
Analisi post-hoc esplorative hanno valutato l'efficacia, la sicurezza e gli esiti riferiti dai pazienti in base all'età inferiore ai 65 anni rispetto all’età a partire da 65 anni.

In 133 pazienti ( 37% ) di età uguale o superiore a 65 anni, l’ipertensione basale è risultata più frequente e l’ascite era meno comune rispetto alle pazienti con età inferiore a 65 anni. 

L'entità del beneficio nella sopravvivenza libera da progressione da parte di Bevacizumab era simile nelle pazienti di età a partire da 65 anni rispetto alle pazienti con meno di 65 anni ( hazard ratio, HR=0.44 rispetto a 0.49, rispettivamente, interazione trattamento-età P=0.58 ), con miglioramenti simili nei tassi di risposta.

L’ipertensione di grado 3 o superiore è risultata più comune con Bevacizumab rispetto alla sola chemioterapia in entrambi i sottogruppi, e più comune nelle pazienti di età superiore rispetto alle più giovani, indipendentemente dal trattamento.

Tuttavia, non vi è stato alcun eccesso di altri eventi avversi di specifico interesse per Bevacizumab, inclusi gli eventi tromboembolici venosi, nelle pazienti più anziane. 
Più pazienti trattate con Bevacizumab nel sottogruppo più giovane, ma non nel sottogruppo più anziano, hanno migliorato i sintomi gastrointestinali / addominali.

In conclusione, nelle analisi esplorative, il miglioramento della sopravvivenza libera da progressione e del tasso di risposta con Bevacizumab è stato costante nelle pazienti più anziane e più giovani. 
L’ipertensione di grado 3 o superiore è risultata più comune nelle pazienti anziane trattate con Bevacizumab; viene raccomandato un attento monitoraggio.
Nel complesso, la terapia contenente Bevacizumab è stata ben tollerata in una popolazione selezionata di età uguale o superiore a 65 anni, il che suggerisce un favorevole profilo rischio / beneficio. 
Sono, tuttavia, necessari accertamenti geriatrici per migliorare la selezione delle pazienti anziane che possono potenzialmente guadagnare miglioramenti nei sintomi e nella qualità di vita dalla terapia contenente Bevacizumab. ( Xagena2017 )

Sorio R et al, Ginecol Oncol 2017; 144: 65-71

Xagena_OncoGinecologia_2017



Indietro