Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Alleanza Mediterranea Oncologica in Rete
OncoPneumologia

Brivanib nel trattamento del carcinoma della cervice persistente o ricorrente


Brivanib è un inibitore orale della tirosin-chinasi contro il fattore di crescita dell'endotelio vascolare ( VEGF ) e il recettore del fattore di crescita dei fibroblasti ( FGFR )
E' stata studiata la sua efficacia e la tollerabilità nelle pazienti con carcinoma della cervice persistente o ricorrente.

Le pazienti eleggibili avevano almeno un precedente regime citotossico per recidiva e con malattia misurabile.

Brivanib 800 mg è stato somministrato per via orale tutti i giorni ( 1 ciclo=28 giorni ) fino a progressione della malattia o a tossicità proibitiva.

Gli endpoint primari erano la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) superiore a 6 mesi e la risposta obiettiva del tumore.

Delle 28 donne ammissibili e valutabili arruolate, 11 ( 39% ) avevano avuto un intervento chirurgico primario e 25 ( 89% ) avevano subito una precedente radioterapia. 
18 ( 64% ) avevano ricevuto un precedente trattamento citotossico e 10 ( 36% ) avevano avuto due regimi precedenti.

12 ( 43% ) hanno ricevuto più di due  cicli di Brivanib con 4 ( 14% ) sottoposte a più di 10 cicli.

7 ( 25% ) pazienti hanno presentato sopravvivenza libera da progressione superiore a 6 mesi.
2 ( 7% ) hanno presentato una risposta tumorale parziale con durata di 8 e 22 mesi e 12 ( 43% ) avevano malattia stabile.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 3.2 mesi. La sopravvivenza globale mediana è stata di 7.9 mesi.

Gli eventi avversi di grado 3 più comuni sono stati: ipertensione, anemia, iponatremia, iperglicemia, aumento degli enzimi epatici, nausea, mal di testa ed emorragia del colon.
Gli eventi avversi di grado 4 hanno compreso sepsi e ipertensione.

In conclusione, sulla base dei primi risultati di uno studio di fase II, Brivanib è risultato ben tollerato e ha dimostrato una attività sufficiente dopo il primo stadio, ma lo studio è stato sospeso a causa della mancanza di disponibilità del farmaco. ( Xagena )

Chan JK et al, Gynecol Oncol 2017; 146: 554-559

Xagena_OncoGinecologia_2017



Indietro