Lung Unit
Tumore Uroteliale
ForumOncologico
Tumore prostata

Efficacia della chemioterapia per recidiva locoregionale isolata di tumore mammario ER-negativa ed ER-positiva: analisi finale dello studio CALOR


La recidiva locoregionale isolata ( ILRR ) predice un alto rischio di sviluppare metastasi a distanza di tumore al seno e di mortalità.

Lo studio CALOR ( Chemotherapy as Adjuvant for LOcally Recurrent breast cancer ) ha esaminato l'efficacia della chemioterapia dopo terapia locale per recidiva locoregionale isolata.
Un follow-up mediano a 5 anni ha mostrato un beneficio significativo della chemioterapia per la recidiva locoregionale isolata negativa al recettore estrogenico ( ER ), ma è stato necessario un ulteriore follow-up per la recidiva locoregionale isolata ER-positiva.

CALOR era uno studio randomizzato in aperto per pazienti con recidiva locoregionale isolata completamente asportata dopo tumore mammario unilaterale.
Le pazienti eleggibili sono state assegnate in modo casuale a ricevere o non ricevere chemioterapia, e sono state stratificate per precedente chemioterapia, stato del recettore ormonale e posizione della recidiva locoregionale isolata.

Le pazienti con recidiva locoregionale isolata positiva ai recettori ormonali hanno ricevuto terapia endocrina adiuvante.

La radioterapia è stata obbligatoria per le pazienti con margini microscopicamente coinvolte, e la terapia anti-HER-2 era facoltativa.

Gli endpoint erano la sopravvivenza libera da malattia ( DFS ), la sopravvivenza globale ( OS ) e l'intervallo libero da tumore alla mammella.

Dal 2003 al 2010 sono stati arruolati 162 pazienti: 58 con recidiva locoregionale isolata ER-negativa e 104 ER-positiva.

A 9 anni di follow-up mediano, 27 eventi di sopravvivenza libera da malattia sono stati osservati nel gruppo ER-negativo e 40 nel gruppo ER-positivo.

Gli hazard ratio ( HR ) di un evento di sopravvivenza libera da malattia sono stati pari a 0.29 ( DFS a 10 anni, 70% vs 34%, chemioterapia versus nessuna chemioterapia, rispettivamente ) in pazienti con recidiva locoregionale isolata ER-negativa e 1.07 ( DFS a 10 anni, 50% vs 59%, rispettivamente ) nelle pazienti con recidiva locoregionale isolata ER-positiva ( P per interazione=0.013 ).

Gli hazard ratio sono stati pari a 0.29 e 0.94, rispettivamente, per l'intervallo libero da tumore alla mammella ( P per interazione=0.034 ) e 0.48 e 0.70, rispettivamente, per la sopravvivenza globale ( P per interazione=0.53 ).

I risultati per i tre endpoint sono rimasti costanti nelle analisi multivariabili aggiustate per posizione di recidiva locoregionale isolata, precedente chemioterapia e intervallo dalla chirurgia primaria.

In conclusione, l'analisi finale dello studio CALOR ha confermato che la chemioterapia è utile per le pazienti con recidiva locoregionale isolata ER-negativa resecata, mentre non ha fornito supporto per l'uso della chemioterapia per la recidiva locoregionale isolata ER-positiva. ( Xagena )

Wapnir IL et al, J Clin Oncol 2018; 36: 1073-1079

Xagena_OncoGinecologia_2018



Indietro