Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumore prostata
ForumOncologico

Esiti e pattern di recidiva dopo radioterapia definitiva per carcinoma della cervice oligometastatico


I tassi di sopravvivenza per le donne con tumore della cervice metastatico sono bassi, con opzioni di gestione limitate.
La radioterapia definitiva per la malattia oligometastatica ha portato a una sopravvivenza prolungata in altri tumori maligni, ma questo approccio deve ancora essere studiato sistematicamente per il cancro della cervice.

Sono state valutate 38 pazienti che hanno ricevuto radioterapia definitiva nei siti oligometastatici del cancro della cervice in un singolo Centro nel periodo 2002-2015.
Le pazienti presentavano una patologia oligometastatica sincrona ( n=9 ) o metacrona ( n=15 ) ai linfonodi sopraclavicolari (SCV) o con malattia ricorrente al mediastino ( n=10 ) o al polmone ( n=7 ).

Tre pazienti sono stati trattati sia per il sito sopraclavicolare che per i siti mediastinici e 6 pazienti sono stati trattati per recidive para-aortiche o pelviche insieme ai siti oligometastatici.
La maggior parte delle pazienti ha ricevuto chemioterapia di induzione ( n=5 ), concomitante ( n=24 ) o adiuvante ( n=5 ).

Il follow-up mediano è stato di 35.2 mesi.

La sopravvivenza globale mediana ( OS ) è stata pari a 50.7 mesi dalla fine della radioterapia, con tassi di sopravvivenza globale a 2 anni e 3 anni del 74% e del 65%.

La sopravvivenza libera da progressione mediana ( PFS ) è stata pari a 21.7 mesi, con tassi di sopravvivenza libera da progressione a 1 anno e a 2 anni, rispettivamente, del 63% e del 48%.

Delle 38 pazienti, 21 ( 55% ) hanno presentato una progressione, in un tempo mediano di 24.8 mesi.

C'è stato un fallimento sul campo. Altre recidive si sono verificate a livello regionale ( n=10 ) e distalmente ( n=12 ), con 2 pazienti che hanno entrambe le presentazioni.

Il sito più comune di recidiva dopo il trattamento della malattia sopraclavicolare è stato il mediastino ( n=7 ).

L'incidenza di tossicità di grado 3 o superiore derivante dal trattamento di siti oligometastatici è stata inferiore al 3%.

In conclusione, la radioterapia definitiva verso siti di carcinoma della cervice oligometastatico può determinare un eccellente controllo locale, risultati favorevoli e persino raggiungere la sopravvivenza a lungo termine per le pazienti attentamente selezionate, con una minima tossicità associata a radioterapia. ( Xagena )

Ning MS et al, Gynecologic Oncology 2018; 148: 132-138

Xagena_OncoGinecologia_2018



Indietro