Controversies in Genitourinary Tumors 2018
Lung Unit
Tumore Vescica
Tumore prostata

Inibitore IDO1 Epacadostat versus Tamoxifene come terapia per tumore epiteliale dell'ovaio con recidiva biochimica, carcinoma peritoneale primario o tumore delle tube di Falloppio


L'Indoleamina 2,3-diossigenasi-1 ( IDO1 ) è un regolatore chiave della tolleranza immunitaria nel carcinoma ovarico.
Sono state esaminate l'efficacia e la sicurezza dell'inibitore dell'enzima IDO1 Epacadostat, rispetto a Tamoxifene, in pazienti con recidiva solo biochimica ( aumento di CA-125 ) dopo completa remissione in seguito a chemioterapia di prima linea per carcinoma epiteliale ovarico avanzato, peritoneale primario o delle tube di Falloppio.

In uno studio in aperto di fase 2, le pazienti sono state randomizzate a 600 mg di Epacadostat o a 20 mg di Tamoxifene due volte al giorno per cicli successivi di 28 giorni e stratificati per il tempo dal completamento della chemioterapia di prima linea al primo incremento di CA-125 ( da 3 a meno di 12 o 12 o più mesi ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione valutata dai ricercatori ( PFS; RECIST v1.1 ).
Gli endpoint secondari includevano la risposta a CA-125 ( criteri Gynecologic Cancer InterGroup ), la sopravvivenza generale, la sicurezza e la tollerabilità.

Lo studio è stato interrotto principalmente a causa del lento arruolamento e della mancanza di evidenze di superiorità.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 3.75 mesi per Epacadostat ( n=22 ), rispetto a 5.56 mesi per Tamoxifene ( n=20; hazard ratio, HR=1.34, P=0.54 ).
Delle pazienti valutabili, 1 ( 5.0% ) con Epacadostat e 3 ( 15.8% ) con Tamoxifene hanno avuto risposte CA-125 confermate.

L' evento avverso più comune emergente dal trattamento è stato l'affaticamento ( Epacadostat, 36.4%, Tamoxifene, 40.0% ).
Gli eventi avversi correlati all'immunità, osservati solo con Epacadostat, sono stati principalmente rash ( 18.2% ) e prurito ( 9.1% ).

La farmacocinetica e farmacodinamica di Epacadostat sono risultate in linea con il suo noto meccanismo d'azione.
L'espressione di IDO1 è stata osservata nel 94% dei campioni di tumore di archivio.

In conclusione, questo primo rapporto di valutazione dell'immunoterapia nel carcinoma ovarico con recidiva solo biochimica e della monoterapia con inibitore IDO1 nel carcinoma ovarico non ha rilevato differenze significative nell'efficacia tra Epacadostat e Tamoxifene.
Epacadostat è risultato generalmente ben tollerato. ( Xagena )

Kristeleit R et al, Gynecol Oncol 2017; 146: 484-490

Xagena_OncoGinecologia_2017



Indietro