Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
OncoDermatologia

La biopsia del linfonodo sentinella può sostituire la linfoadenectomia pelvica per il cancro della cervice uterina


E' stata valutata la sopravvivenza libera da recidiva ( RFS ) e la morbilità a breve termine nelle pazienti con tumore della cervice uterina precoce che si sono sottoposte a linfoadenectomia pelvica bilaterale ( BPLND ), rispetto alla sola biopsia del linfonodo sentinella bilaterale ( BSLNB ) alla chirurgia primaria.

Tutte le pazienti con tumore della cervice, patologicamente confermato, linfonodo-negativo, in fase IA/IB gestito con BPLND o BSLNB sono state identificate dal database prospettico dell'Università di Toronto ( Canada ) sul cancro della cervice dal 1984 al 2015.
Sono stati identificati i predittori della sopravvivenza libera da recidiva. La significatività statistica era P minore di 0.05.

Sono state identificate 1.188 pazienti linfonodo-negative, BPLND-1078; BSLNB-110. 

Non c'è stata alcuna differenza tra BPLND e BSLNB nella sopravvivenza libera da recidiva a 2 e 5 anni ( 95% vs 97% e 92% vs 93%, rispettivamente ), dimensione del tumore, istologia, profondità di invasione, complicanze intra-operatorie o morbilità a breve termine.

La linfoadenectomia pelvica bilaterale è risultata associata a un aumento di tempo chirurgico ( 2.8 vs 2.0 ore, P minore di 0.001 ), perdita di sangue ( 500 ml vs 100 ml, P minore di 0.001 ), trasfusione ( 23% vs 0%, P minore di 0.001 ) e infezione post-operatoria ( 11% vs 0%, P=0.001 ).
Età, data della chirurgia, stadio, invasione degli spazi linfovascolari ( LVSI ), e radicalità della chirurgia differivano tra i due gruppi.

Controllando per età, stadio, LVSI, profondità di invasione e istologia, non vi è stata alcuna differenza significativa nella sopravvivenza libera da recidiva tra i gruppi.
Solo la profondità di invasione, la LVSI e l'istologia sono risultati essere predittori della sopravvivenza libera da recidiva.

In conclusione, la biopsia del linfonodo sentinella bilaterale negativa non è associata ad una differenza nella sopravvivenza libera da recidiva rispetto a una linfoadenectomia pelvica bilaterale negativa.
La morbilità a breve termine può essere ridotta, tuttavia, a causa del lungo periodo di studio, i cambiamenti demografici e la chirurgia possono contribuire alle differenze riscontrate. ( Xagena2017 )

Lennox GK, Covens A, Ginecol Oncol 2017; 144: 16-20

Xagena_OncoGinecologia_2017



Indietro