Lung Unit
Tumore Uroteliale
Tumori testa-collo
Tumore Vescica

Terapia adiuvante nelle pazienti con carcinoma endometriale a cellule chiare


È stato valutato l'impatto del trattamento adiuvante, fattori sociodemografici e tumorali sulla sopravvivenza delle pazienti con carcinoma a-cellule chiare ( CCC ) endometriale non-metastatico.

All'interno del National Cancer Database sono state identificate 4.298 pazienti con carcinoma a cellule chiare in stadio I-IVA trattate nel periodo 1998-2011.
È stato utilizzato il sistema di stadiazione FIGO 2009.

I gruppi adiuvanti hanno incluso: isterectomia ( HYS ); isterectomia più brachiterapia vaginale ( VBT ); isterectomia più chemioterapia ( CT ); isterectomia più radioterapia a fascio esterno ( EBRT ); HYS + CT + EBRT; HYS + CT + VBT.
Sono state eseguite analisi univariabili ( UVA ) e multivariabili ( MVA ) di fragilità della sopravvivenza.

Secondo le analisi univariabili, lo stadio più alto era associato a un aumentato rischio di morte.
Rispetto allo stadio I-IA, il rischio ( hazard ratio; HR ) di morte per lo stadio IB è stato pari a 1.75 ( P minore di 0.001 ), per lo stadio II è stato HR 1.77 ( P minore di 0.001 ), per lo stadio III-IIIB è stato HR 3.29 ( P minore di 0.001 ), per lo stadio IIIC-IIIC2 è stato HR 3.33 ( P minore di 0.001 ), e per lo stadio IVA è stato 8.59 ( P minore di 0.001 ).

Altri predittori significativi di mortalità hanno incluso pelle nera ( P minore di 0.001 ), assicurazione sanitaria pubblica ( P minore di 0.001 ), livello di istruzione ( P=0.001 ), maggiore punteggio di comorbidità ( P=0.001 ), aumento dell'età ( P minore di 0.001 ) e aumento della dimensione del tumore ( P minore di 0.001 ).

Dopo aver controllato per stadio, assicurazione, colore della pelle, livello di istruzione, punteggio di comorbilità, età e dimensioni del tumore, il trattamento adiuvante non è stato associato a un ridotto rischio di mortalità ( P=0.26 ).

In conclusione, la terapia adiuvante non ha avuto un effetto significativo sulla sopravvivenza in questo campione dal National Cancer Database.
Data la natura aggressiva della malattia, sono necessari studi clinici per determinare la terapia adiuvante ottimale nelle pazienti con carcinoma a cellule chiare non-metastatico per migliorare gli esiti clinici. ( Xagena )

Nieto K et al, Gynecologic Oncology 2018; 148: 147-153

Xagena_OncoGinecologia_2018



Indietro